Dott. Carolina Malfatti - Genova
  Dott.

Carolina Malfatti

  Specialista in Pediatria

  Specialista in Idrologia Medica

  Esperta in Fitoterapia

Idrologia Medica

La Dott.ssa Carolina Malfatti nell'ambito della Specializzazione in Idrologia Medica (specializzazione branca affine a Medicina Interna, Scienza della nutrizione e dietologia sisac 2005) esegue visite mediche per:
  • l'inquadramento e trattamento terapeutico sovrappeso e dell'obesità nell'adulto
  • la valutazione dello stato nutrizionale con impendenzometria e plicometria
  • la prescrizione di adeguati trattamenti termali per prevenzione e per il mantenimento dello stato di "benessere"
  • la prescrizione di adeguati trattamenti termali in alcune patologie croniche non oncologiche (apparato locomotore, apparato urinario, gastrointestinale e respiratorio ed in ambito dermatologico)
L'idrologia Medica o Medicina Termale studia l'utilizzo dell'acqua presente alle terme a scopo terapeutico. ed è una delle più' antiche forme di terapia . Ed è in questa ottica che essa si può considerare come una medicina tradizionale (come da definizione dell'OMS).

Le terme sono da considerarsi come da un complesso articolato di risorse naturali, di strutture e di servizi che sono il punto di incontro tra la terapia e la riabilitazione da una parte e la conservazione della salute e del benessere dall'altra.

Carolina Malfatti Idrologia MedicaLe acque termali vengono classificate in base ad alcune caratteristiche generali (colore , odore, sapore , limpidità) ad analisi chimico-fisiche (temperatura, densità, indice di rifrazione , pressione osmotica , pH , conducibilità elettrica) - classificazione secondo Marotta e Sica (Annuali di chimica applicata).

Le classificazioni più frequenti e più facilmente intuibili sono quelle che prendono in considerazione la temperatura, la concentrazione e la composizione salina.

TEMPERATURA
  • Acque tredde i nferiori ai 20°C
  • ipotermali tra i 20 e i 30°C
  • Omeotermali tra i 30 e i 40° C
  • Ipertermali oltre i 40
CONCENTRAZIONE SALINA
  • Acque oligominerali: caratterizzate da un basso residuo fisso inferiore a 200mg/l. Favoriscono la diuresi e prevengono la calcolosi renale.
  •  Acque mediominerali: hanno un residuo fisso compreso tra 0,2 e 1 gr/l. La maggior parte di queste acque è ricca di bicarbonati e sono anch'esse diuretiche.
  •  Acque minerali residuo fisso è superiore a 1 gr/l. L'assunzione a scopo terapeutico data l'estrema variabilità del contenuto minerale deve essere sotto stretto controllo medico. Questo tipo di acque si dividono ulteriormente in: acque minimamente mineralizzate (residuo fisso superiore a 500 mg/l), oligominerali (residuo fisso inferiore a 500 mg/l), ricche di sali minerali (residuo fisso superiore a 1500 mg/l)
COMPOSIZIONE SALINA Carolina Malfatti Idrologia Medica
  • Acque salse o cloruro-sodiche contengono cloruro di sodio per lo più in altre anche solfato di sodio e bicarbonato di sodio o calcio e magnesio sono per lo più acque da bere.
    Le acque solfuree contengono nella loro composizione zolfo con il caratteristico odore di" uova marce". Esse si utilizzano prevalentemente in patologie respiratorie anche però per patologie osteoarticolari e angiopatie cutanee e ginecologiche.
  • Acque arsenicati- ferruginose contengono ferro in abbondanza ed arsenico in tracce.
    Sono particolarmente indicate nelle anemie da carenze di ferro, diatesi linfatiche, convalescenze , dermopatie e nevriti.
  • Acque bicarbonate sono acque che originano da rocce calcaree. le più frequenti sono bicarbonate-calciche ed il calcio. Sono usate per terapia idropinica e per gli sportivi per rimpiazzare i minerali persi con l'attività fisica prolungata; se molto concentrate sono utilizzate per bagni docce ed irrigazioni.
  • Acque solfate sono ricche di zolfo possono essere acque da bere per depurare il fegato ma si usano anche per fanghi ed irrigazioni rettali.
  • Acque carboniche contengono bicarbonato in vari rapporti con altri minerali sono per la maggior parte bicarbonato-calciche riequilibrano l'apparato circolatorio.
    Sono acque da bere ma anche per balneoterapia ed irrigazioni.
  • Acque salso-bromo-iodiche sono acque fortemente mineralizzate di origine marina contengono sale ed altri minerali si somministrano per fanghi, inalazioni ed irrigazioni. Sono adatte soprattutto per patologie apparato respiratorio, apparato osteo-articolare e circolatorio.
LE PATOLOGIE CURATE ALLE TERME
  • Malattie otorinolaringoiatriche e delle vie respiratorie
  • Rinopatia vasomotoria
  • Bronchite cronica semplice accompagnata a componente ostruttiva
  •  Malattie cardiovascolari
  • Postumi di flebopatie di tipo cronico
  • Malattie ginecologiche: sclerosi dolorosa del connettivo pelvico di natura cicatriziale e involutiva, leucorrea persistente da vaginiti croniche aspecifiche e distrofiche
  • Malattie dell'apparato urinario e calcolosi delle vie urinarie e sue recidive
  • Malattie dell'apparato gastroenterico: dispepsia di origine gastroenterica e biliare; sindrome dell'intestino irritabile nella varietà con stipsi
  • Malattie reumatiche: osteoartrosi ed altre forme degenerative; reumatismi extra-articolari
  •  Malattie dermatologiche: psoriasi e dermatite seborroica ricorrente
Carolina Malfatti Idrologia MedicaLE TERAPIE TERMALI
 
Le cure termali devono essere prescritte dal medico e sono riconosciute dal SSN con determinate modalità di legge e le principali sono:
  •  Aerosol:  l'acqua minerale perviene fino alle ultime diramazioni dell'albero bronchiale inquinato è suddivisa in particelle omogenee inferiori a 3 micron.
  • Humages: sono inalazioni che utilizzano i gas delle acque termali.
  • Inalazioni: l'acqua viene divisa in particelle più o meno piccole che giungono al paziente difronte all'apparecchio che inala il getto delle particelle prodotte.
INSUFFLAZIONI, POLITZER

Si basano sul cateterismo orecchio medio attraverso un piccolo catetere alla tuba uditiva inviando del gas dell'acqua termale. 

NEBULIZZAZIONI

L'acqua viene trasformata in nebbia che viene immessa in un ambiente dove i pazienti soggiornano.

BAGNO TERMALE E BALNEOTERAPIA

Consiste in immersione completa o parziale del corpo in una vasca o in piscina contenente acqua minerale calda.

FANGOTERAPIA

E' l'impiego in terapia del fango termale, naturalmente caldo o riscaldato derivante da una componente inorganica ed una organica (fango vergine con acqua termale e usata dopo opportuna maturazione).

ANTROTERAPIA

Consiste nel soggiornare in grotte naturali e/o artificiali collegate a sorgenti di acqua minerale ad elevata temperatura. Si distinguono in grotte umide o secche. La temperatura consigliata e di 30-42°C per le umide, 50-70°C per le secche ed il soggiorno varia da 10-60 minuti sotto rigoroso controllo medico.

IDROPINOTERAPIA

Consiste nel bere in tempi stabiliti acqua minerale in quantità temperatura tempi e ritmi determinati.

Ogni acqua ha indicazioni per il trattamento di patologie ben precise.
 
IRRIGAZIONI NASALI E DOCCE MICRONIZZATE

L'acqua termale viene fatta fluire con flusso continuo nelle cavità nasali per tempo e durata a seconda del tipo di paziente.

IRRIGAZIONI VAGINALI O RETTALI

Utilizza come sopra un flusso continuo di acqua termale nei distretti interessati.

PERCORSO VASCOLARE

Consiste nel camminamento in due vasche profonde almeno 80 cm con escursione termica di 5-10 °C tra le due vasche il percorso dura 20 minuti e deve avere getti di ozono ed idromassaggio laterale.

RIABILITAZIONE TERMALE

Le terme offrono trattamenti adeguati e ben articolati di riabilitazione necessaria per alcune patologie dell'apparato locomotore , respiratorio e cardiovascolare.

Tutto quello che trovate nel sito ha un puro scopo divulgativo e non sostituisce mai una visita medica